Annullare un viaggio: come fare

Rinunciare a una vacanza per un grave motivo, come un problema da salute di un familiare, significa perdere l’intero costo sostenuto, soprattutto se si è a pochi giorni dalla partenza. La garanzia di annullamento contenuta nelle polizze di assistenza viaggi rimborsa la penale applicata dal tour operator oppure dalla compagnia aerea o di navigazione. E’ diversa a seconda del contratto: generalmente, comunque, è pari al 10% del costo totale se la rinuncia avviene fino a trenta giorni prima della partenza e dopo questo termine aumenta sino ad arrivare all’intero costo se l’annullamento avviene settantadue ore prima della data prefissata. Viene rimborsata per intero la penale addebitata all’assicurato (comprese costi di gestione pratica, commissioni di agenzia, adeguamento del carburante e spese per il visto) se l’assicurato deve annullare o modificare il viaggio prenotato per cause oggettivamente documentabili e imprevedibili al momento della prenotazione che colpiscano:

1) lo stesso assicurato o i suoi familiari;
2) il contitolare dell’azienda o dello studio associato.

Il rimborso avviene nei limiti del massimale indicato in polizza, che comunque non può superare un determinato importo (generalmente 7.500 euro per assicurato e 25.000 per nucleo familiare). E’ totale, però, solo se la rinuncia o la forzata modifica dipendono da ricovero ospedaliero; negli altri casi, invece, si applica uno scoperto, che può andare dal 15% al 25% della penale. Le esclusioni, i casi in cui non si ha diritto al risarcimento, sono previste in particolare per:

1) cause, non di ordine medico, prevedibili o note al momento della prenotazione del viaggio;
2) infortuni preesistenti e malattie croniche;
3) guerra, scioperi, sommosse, atti di terrorismo, terremoti o calamità naturali.

Molto spesso la garanzia annullamento è compresa nei contratti di acquisto di viaggi tutto compreso; in forma individuale, invece, dev’essere sottoscritta entro le ore ventiquattro del giorno successivo a quello d’iscrizione al viaggio o di prenotazione della biglietteria aerea o navale. Il premio si aggira mediamente intorno al 5% del costo totale del viaggio.