Dichiarazione dei redditi 2019, pronta la guida completa al modello 730 e al modello Redditi.

Nella circolare n. 13/E del 31 maggio tutte le istruzioni su detrazioni, deduzioni e sulle novità introdotte per l’anno d’imposta 2018.

Dichiarazione dei redditi 2019, pronta la guida dell’Agenzia delle Entrate, con tutte le istruzioni su detrazioni e deduzioni racchiuse nella circolare n. 13/E del 31 maggio.

Come di consueto ma con notevole ritardo rispetto agli scorsi anni, la circolare omnibus dell’Agenzia delle Entrate racchiude tutte le istruzioni per la compilazione del modello 730 e per il modello Redditi 2019, con la trattazione analitica di tutte le regole su ritenute, oneri detraibili, deducibili e crediti d’imposta.

Oltre a fornire l’elenco dettagliato dei documenti necessari per la presentazione della dichiarazione dei redditi 2019, e quelli da conservare per eventuali richieste da parte dell’Agenzia delle Entrate, la circolare n. 13/E del 31 maggio 2019 riepiloga tutte le novità introdotte per l’anno in corso.

Accanto alle nuove spese detraibili, cambia anche la disciplina sanzionatoria prevista nel caso di visto di conformità infedele sul 730 da parte di CAF ed intermediari.

Dichiarazione dei redditi 2019: guida completa nella circolare 13/E delle Entrate

Era attesa da tempo la circolare dell’Agenzia delle Entrate che ormai da anni rappresenta la guida completa alla dichiarazione dei redditi. Nelle 390 pagine di istruzioni, la circolare n. 13/E del 31 maggio 2019 fornisce il dettaglio delle regole su detrazioni fiscali, deduzioni, nonché crediti d’imposta e documenti da conservare.

Il documento rappresenta un utile vademecum sia per chi presenta la dichiarazione dei redditi con il modello 730/2019, sia precompilato che ordinario tramite CAF o intermediari, che per i tanti – soprattutto titolari di partita IVA – che presentano il modello Redditi.

La circolare n. 13/E è stata aggiornata, partendo da quella pubblicata lo scorso anno (circ. n. 7/E del 27 aprile 2018), con le novità legislative ed interpretative che riguardano la dichiarazione dei redditi 2019.

Debutta a partire dall’anno in corso la nuova detrazione per gli abbonamenti ai mezzi pubblici, così come il bonus verde per i lavori in casa e la detrazione per l’acquisto di strumenti didattici per studenti con DSA.

Nuove regole anche per CAF ed intermediari, per i quali a partire dall’anno in corso cambia la disciplina sanzionatoria prevista nei casi di visto di conformità infedele sul 730: sarà necessario versare solamente un importo pari al 30 per cento della maggiore imposta riscontrata al contribuente.

Dichiarazione dei redditi 2019, le novità nella circolare n. 13/E

Sebbene sia stata pubblicata con deciso ritardo (e quando molti contribuenti hanno già inviato il proprio modello 730) la guida dell’Agenzia delle Entrate alla dichiarazione dei redditi 2019 è utile per riepilogare quelle che sono le novità principali.

Un chiarimento importante riguarda la detrazione prevista per gli abbonamenti ai mezzi pubblici, per i quali a partire dalle spese sostenute nel 2018 sarà possibile beneficiare di un rimborso Irpef pari ad un massimo di 50 euro (19% di 250 euro).

Erano molti i dubbi su come calcolare il limite di 250 euro, e le indicazioni fornite nella guida dell’Agenzia delle Entrate lasciano poco spazio ad interpretazioni. La detrazione spetta sia per le spese sostenute per se stessi che nell’interesse dei familiari a carico, ed il limite di spesa è da intendersi come complessivo.

Come chiarito nelle istruzioni alla dichiarazione dei redditi 2019, l’importo di 250 euro costituisce il limite massimo sia per le spese relative al contribuente che ai familiari a carico, anche nel caso di detrazione suddivisa tra più soggetti (come i genitori per i propri figli).

Debutta nella dichiarazione dei redditi 2019 anche il bonus verde, la detrazione del 36% sui lavori effettuati su giardini e terrazzi, riconosciuta fino al limite di 5.000 euro di spesa per unità immobiliare.

Così come per le restanti detrazioni riconosciute sui lavori in casa, il bonus spetta a condizione che i pagamenti siano effettuati con strumenti tracciabili(assegni bancari, postali, circolare non trasferibili oppure tramite carte di credito, bancomat o bonifici).

Per fruire della detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi sarà necessario che i documento di spesa riporti il codice fiscale del soggetto beneficiario della detrazione e la descrizione dell’intervento dovrà consentire di ricondurre la spesa sostenuta tra quelle agevolabili.

Viene inoltre confermato che la mancata comunicazione ENEA relativa ai lavori di ristrutturazione che comportano anche un risparmio energetico non compromette il diritto a beneficiare della detrazione fiscale, pari al 50% della spesa sostenuta fino ad un massimo di 96.000 euro.

Dichiarazione dei redditi 2019, nella guida l’elenco dei documenti da conservare

La circolare n. 13/E dell’Agenzia delle Entrate si presenta particolarmente utile per l’individuazione dei documenti da conservare dopo aver presentato la dichiarazione dei redditi.

In caso di controllo documentale, potranno essere richiesti solo i documenti indicati nella circolare, anche per quel che riguarda la documentazione relativa alla prova del pagamento.

La guida dell’Agenzia delle Entrate specifica tuttavia che l’Agenzia delle Entrate potrà effettuare controlli anche in merito si requisiti soggettivi richiesti per fruire delle diverse agevolazioni fiscali, nonché sulle dichiarazioni sostitutive presentate dal contribuente per alcune tipologie di detrazioni (come le spese sanitarie per patologie esenti, oppure i bonus rivolti ai contribuenti con legge 104).

Nonostante la pubblicazione tardiva, è sempre bene consultare la circolare omnibus dell’Agenzia delle Entrate anche al fine di individuare eventuali errori di compilazione della propria dichiarazione dei redditi.

Si ricorda a tal proposito che sarà possibile annullare il 730 già inviato(mediante la modalità precompilata) fino al 20 giugno 2019, e procedere con un nuovo invio autonomo della dichiarazione dei redditi.