Tag - precompilato

730 precompilato 2019: modello, scadenza, costi, invio e sanzioni

Cos’è il 730?

Il 730 è un modello di dichiarazione dei redditi, rivolto ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, che consente di recuperare parte delle spese sostenute nel corso dell’anno e di trasformarle in uno stipendio maggiorato.

GUARDA E ASCOLTA LE NOSTRE GUIDE SU COME PRESENTARE IL 730 PER L’ANNO 2019


Con il sistema delle deduzioni e delle detrazioni è possibile che le spese concorrano ad una riduzione del reddito da tassare o delle tasse stesse, che per un lavoratore dipendente significa maturare il diritto al rimborso di quanto già pagato in corso d’anno, accreditandolo direttamente in busta paga.

Le deduzioni del 730

Le deduzioni riguardano il reddito imponibile e quindi si tratta di quelle spese che vanno ad abbassare l’importo su cui poi andranno determinate le imposte. Nel 730 per il 2019 abbiamo in particolare:

  • contributi previdenziali ed assistenziali, inclusi quelli sostenuti per i familiari a carico;
  • contributi versati all’INAIL per le persone del nucleo familiare a tutela dagli infortuni domestici (la cosiddetta assicurazione casalinghe);
  • contributi versati per colf e badanti;
  • spese di assistenza e ricovero disabili;
  • assegni corrisposti al coniuge;
  • somme versate alle forme pensionistiche complementari e individuali, incluse quelle versate per i familiari a carico;
  • donazioni alle organizzazioni non governative (ONG) riconosciute idonee, che operano nel campo della cooperazione con i Paesi in via di sviluppo.

Le detrazioni del 730

Le detrazioni, invece, vanno a ridurre direttamente l’importo delle imposte da versare. Di seguito le principali detrazioni inserite previste per il modello 2019 relative alle spese sostenute nel 2018:

  • 19% delle spese funebri sostenute, anche nel caso in cui non vi sia alcun grado di parentela tra chi ha sostenuto le spese e la persona deceduta (il limite massimo si spese detraibile è paria 1.550 euro);
  • 19% delle spese per la frequenza di scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado, con un limite massimo di 786 euro per alunno o studente;
  • 19% delle spese per la frequenza dell’università;
  • 19% degli interessi sul mutuo prima casa;
  • 50% delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, cosiddetto bonus ristrutturazioni, con un limite pari a 96.000 euro
  • 50% delle spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, cosiddetto bonus mobili, ma soltanto se relativi ad un immobile oggetto di ristrutturazione (con un limite pari a 10.000 euro);
  • dal 65% all’85% su spese per interventi volti al risparmio energetico degli edifici, all’adozione di misure antisismiche, all’acquisto e posa in opera delle schermature solari e di impianti di climatizzazione invernali dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • tra il 50% e l’80% delle spese sostenute per la messa in sicurezza degli edifici, cosidetto sisma bonus;
  • 50% delle donazioni a favore di istituzioni scolastiche, cosiddetto school bonus, spesa detraibile suddivisa in tre anni e per un importo massimo di 100 mila euro;
  • 36% per interventi di “sistemazione a verde” delle aree private scoperte, il cosiddetto bonus giardini e terrazzi;
  • 19% sulle assicurazioni sul rischio di morte di coloro che si occupano di persone con disabilità gravi, norma definita “dopo di noi“.

730 precompilato: cos’è?

Il 730 precompilato è stato introdotto con le dichiarazioni del 2016 relative ai redditi 2015. Si tratta del classico modello 730 che però contiene già una serie di informazioni, fornite da diversi soggetti, per cui salvo casi particolari il contribuente non deve far altro che approvare i dati contenuti nella dichiarazione e reinviarli all’Agenzia delle Entrate.

Tra i diversi soggetti che immettono le informazioni utili alla precompilazione del modello troviamo:

  • Anagrafe tributaria;
  • sostituti d’imposta tenuti a rilasciare la certificazione del compensi;
  • soggetti che erogano mutui agrari e fondiari, imprese di assicuratrici, enti previdenziali e forme pensionistiche
  • medici e centri medici per le informazioni relative alle spese sanitarie deducibili;
  • università per le spese di iscrizione e frequenza degli atenei;
  • soggetti che nel 2018 hanno emesso fatture relative a spese funebri.

Il modello è visualizzabile esclusivamente online e il contribuente non può ricevere alcuna copia cartacea o via mail. Una volta presa visione del modello e dei dati contenuti, il contribuente potrà decidere di accettare la dichiarazione, a partire dal 2 maggio, e questo lo esonererà da qualsiasi controllo fiscale in merito.

Date e scadenza del 730 precompilato

Ricapitoliamo le diverse date da tenere a mente per completare le operazioni sul 730 precompilato:

  • dal 15 aprile è possibile visualizzare il modello;
  • dal 2 maggio sarà possibile accettare o modificare il modello al fine di chiudere l’adempimento;
  • l’8 luglio è l’ultimo giorno per la presentazione tramite sostituto d’imposta (il datore di lavoro per intenderci);
  • il 23 luglio è l’ultimo giorno utile per accettare il modello o trasmetterlo con le integrazioni se si decide di agire autonomamente, tramite CAF o professionista abilitato;
  • fino al 25 ottobre i sostituti d’imposta, i CAF e i professionisti abilitati, potranno accedere al modello per trasmettere le dichiarazioni rettificative o integrative.

Accesso al modello 730 precompilato

È possibile prelevare online il documento a partire dal 16 aprile. Si tratta del modello 730/2019 relativo ai redditi 2018. Due le strade per ottenerlo:

  • direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate previa richiesta del PIN per il cassetto fiscale;
  • rivolgendosi ad intermediari abilitati come CAF, commercialisti o consulenti del lavoro.

Per poter accedere è dunque necessario ottenere i propri PIN e password personali che consentono la navigazione all’interno dell’area riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate. I suddetti codici possono essere richiesti direttamente online, al call center dell’Agenzia delle Entrate che risponde al numero 848.800.444 o presso gli uffici dell’Agenzia.

Per ottenere PIN e password sono necessarie circa un paio di settimane poiché una parte di essi vengono recapitati a mezzo posta (è importante conoscere la tempistica, vista la necessità di rispettare le scadenze fiscali). Oltre alle opzioni sopra citate, è possibile accedere al modello tramite:

  • il PIN INPS dispositivo;
  • le credenziali del servizio SPID;
  • le credenziali del sistema NoiPA, per i dipendenti pubblici che hanno aderito al sistema;
  • la Carta Nazionale dei Servizi. In questo caso la carta va inserita in un lettore che genera il PIN da usare per accedere ai servizi di Fisconline.

Le integrazioni in caso di dati mancanti

Nel caso in cui il contribuente verifichi la mancanza di informazioni oppure che alcuni dei dati debbano essere rivisti, potrà apportare delle modifiche.
Ma attenzione! Nel momento in cui deciderai di “mettere mano” alla dichiarazione, si ritornerà ai metodi tradizionali e dunque il Fisco potrà operare i consueti controlli su quanto dichiarato.

Inoltre se si ricorre ai servizi di CAF o professionisti abilitati, come i commercialisti, questi saranno responsabili degli eventuali errori commessi in sede di revisione e/o integrazione dei dati.

730 precompilato congiunto

Una delle opportunità concesse mediante il 730 precompilato è quella di poter procedere alla compilazione e all’invio congiunto da parte dei coniugi.
Il 730 precompilato congiunto consente di dichiarare in un unico modello i redditi di entrambi i coniugi, in modo da poter compensare i debiti di un coniuge con i crediti dell’altro direttamente in dichiarazione.

Per ottenere un modello precompilato congiunto, sarà sufficiente accedere al 730 precompilato di un dei due coniugi e integrarlo con i dati anagrafici e reddituali dell’altro coniuge. Come visto in precedenza si tratterà pertanto di una dichiarazione con integrazioni, il che comporta sanzioni in caso di errori.

Come annullare l’invio del 730 precompilato

Chi ha modificato la dichiarazione precompilata, ma ha commesso degli errori o ha dimenticato dei dati può annullarla, anche se già inviata all’Agenzia delle Entrate tramite la piattaforma dedicata. L’invio del 730 può essere annullato una sola volta e tassativamente entro il 20 giugno e puoi procedere accedendo al sito con le credenziali che hai usato per la modifica e l’invio della dichiarazione precompilata.

Per poter annullare l’invio del 730 precompilato è necessario che lo stato della dichiarazione sia indicato come “elaborato”. Se accedi al sito con le credenziali Fisconline dovrai inserire di nuovo il PIN per poter richiedere l’annullamento della dichiarazione mentre, se accedi con le credenziali INPS, NoiPA o SpID puoi procedere senza che sia necessario ripetere il PIN.

L’annullamento comporta la cancellazione di tutti i dati modificati e inseriti manualmente. In pratica, se annulli l’invio viene ripristinata la dichiarazione precompilata così come è stata elaborata dall’Agenzia delle Entrate. Questo vuol dire che viene annullato l’F24 e vengono annullati gli eventuali modelli Redditi aggiuntivo e il correttivo del 730.

Cosa fare dopo aver annullato l’invio del 730 precompilato

Una volta che hai accesso alla dichiarazione precompilata di partenza puoi modificarla inserendo le informazioni mancanti, rettificando i dati imprecisi e inviarla di nuovo. Non potrai farlo subito però, perché per il ripristino dei dati bisogna aspettare 24/48 ore dal momento dell’annullamento.

In caso di dichiarazione congiunta è il dichiarante che deve presentare la richiesta di annullamento. La ricevuta della richiesta di annullamento del 730 e dell’F24 collegato è consultabile nella sezione Ricevute del sito.

Se dovessi aver bisogno di modificare la dichiarazione precompilata dopo il 20 giugno non potrai più annullare l’invio ma dovrai presentare un modello correttivo entro il 25 ottobre.

730 precompilato: costi e sanzioni

Come detto nei paragrafi precedenti, sono diverse le modalità di accettazione/presentazione del modello 730 precompilato. Questo significa anche costi diversi a seconda di come si intende procedere:

  • Accettazione/integrazione autonoma. Questa operazione non comporta alcun esborso economico, ma è sicuramente quella più onerosa in termini di tempo, visto che bisogna recuperare gli accessi e seguire passo per passo le istruzioni.
  • CAF/Consulenti. Rivolgersi ad un CAF o ad un professionista abilitato comporta il pagamento di una parcella, ma come vedremo nel paragrafo successivo, potrebbe essere una garanzia in caso di errori. Le tariffe oscillano tra i 30 e i 100 euro a seconda del soggetto a cui ci si rivolge, all’eventuale tesseramento (ad esempio ad un patronato) e alla complessità della situazione del contribuente, si pensi a chi possiede molti immobili.

GUIDA AL 730 PRECOMPILATO 2019

730 precompilato: guarda la guida animata


La puntata podcast

Ascolta “3 – Il modello 730 pre compilato. Quando confermarlo e quando va modificato” su Spreaker.

Il testo

MODELLO 730 COS’E’ E A COSA SERVE:
Il 730 è un modulo fiscale che viene presentato per dichiarare i redditi dell’anno precedente. Come si presenta: Puoi presentarlo tu stesso registrandoti sul sito dell’Agenzia delle Entrate, dove lo troverai già precompilato con i tuoi redditi, parte delle tue spese detraibili e con i fabbricati da te posseduti. Se ritieni che sia tutto corretto lo confermi altrimenti lo puoi modificare. A questo punto ci penserà l’Agenzia delle Entrate a calcolare se devi pagare delle imposte oppure se avrai un rimborso. Se preferisci puoi recarti presso un CAF con tutti i documenti relativi ai tuoi redditi e alle tue spese detraibili, affidandogli la compilazione, il calcolo e l’invio. Ora vediamo chi è obbligato e chi no a presentare il 730: NON SEI OBBLIGATO SE sei un dipendente e hai avuto un solo datore di lavoro in tutto l’anno precedente o sei pensionato e hai solo la pensione. In questi casi se non hai altri redditi, per esempio immobili dati in affitto, collaborazioni o altri redditi diversi non devi far nulla perché le imposte sono già pagate dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico. SEI OBBLIGATO SE l’anno precedente hai cambiato lavoro o sei andato in pensione durante l’anno. Hai altri redditi da dichiarare oltre lo stipendio o la pensione; in questo caso sei obbligato perché dovrai versare delle imposte al fisco. NON SEI OBBLIGATO MA TI CONVIENE SE hai sostenuto spese mediche, hai ristrutturato casa, hai sostenuto spese detraibili – di cui non faccio l’elenco in quanto sono veramente molte-. Se guadagni meno di circa 30.000 euro lordi l’anno e sei in affitto, puoi presentare il 730 per farti rimborsare dal fisco parte delle imposte già pagate sullo stipendio o sulla pensione. E’ importante sapere che nel mese di luglio per i dipendenti e in agosto per i pensionati, troverai l’eventuale rimborso aggiunto o le eventuali imposte prelevate direttamente dallo stipendio o dalla pensione senza che tu debba fare altro.